Gruppo FIARC

Farsi una bella passeggiata nei boschi, andare sulla piazzola e trovarsi una sagoma tridimensionale di un cervo tra gli alberi, tirare due frecce all’aria aperta in un sano spirito sportivo con un’allegra compagnia e, a fine percorso, una braciolata e due chiacchiere sulla gara, sui tiri mancati e su quelli particolarmente belli. Questo è lo spirito FIARC, la Federazione Italiana Arcieri Tiro di Campagna.

La FIARC nasce dall’iniziativa di alcuni arcieri provenienti dalla FITARCO. La FIARC non è una Federazione che opera con il patrocinio del C.O.N.I. ma una realtà arcieristica di fatto consolidata a livello nazionale ed internazionale con un palmares di tutto rilievo. A livello internazionale la FIARC è affiliata alla I.F.A.A., la International Field Archery Association, organizzatrice dei relativi Campionati Europei e Mondiali. La FIARC si è sempre contraddistinta per il tiro alla sagoma tridimensionale di animale, che mutua l’idea della caccia con l’arco ma con il passar del tempo ha perso questa originaria connotazione per assumere un carattere sportivo/ludico.

La sede della FIARC è in Milano. Sul territorio sono inoltre presenti i Comitati Regionali e, all’interno di questi, l’anima pulsante dell’arciera dei boschi: le singole Associazioni o Compagnie. L'A.S.D. Arcieri Romani - Tiro di Campagna 12ARRO (12 = Regione Lazio, AR = AR-cieri, RO = RO-mani) è una di queste ed è iscritta alla FIARC ed al relativo Comitato Regionale Lazio.

Gli eventi sportivi della FIARC comprendono il tiro alla sagoma fissa e mobile ed il tiro al volo, ma è presente anche una componente che si occupa di pesca con l’arco. Per quanto riguarda il tiro alla sagoma fissa e mobile sono previste 4 tipologie di gare. Ma andiamo per ordine. Agli eventi FIARC, che si svolgono in ambito nazionale e regionale, possono partecipare tutti gli arcieri regolarmente iscritti alla FIARC tramite una Compagnia affiliata, suddivisi per classi di età e per tipologia di arco usato:

• fino a 12 anni i nostri ragazzi saranno CUCCIOLI (maschile e femminile)
• dai 13 ai 16 anni SCOUT (maschile e femminile)
• dai 17 anni in poi CACCIATORI (maschile e femminile)
• oltre i 55 anni SENIORES
• ospiti

In ogni manifestazione è obbligatorio istituire una classe/categoria, maschile e femminile, se vi sono almeno tre partecipanti iscritti. La classe Seniores è istituita limitatamente alle manifestazioni a carattere nazionale. È facoltà dei singoli Comitati Regionali istituire la classe Seniores anche nel Campionato Regionale di propria competenza. Per le classi Cuccioli e Scout, riguardando arcieri con una struttura fisica in via di sviluppo, sono imposti dei limiti massimi di libbraggio che sono 25 libbre per i Cuccioli e 40 libbre per gli Scout, misurate all'allungo effettivo per gli archi tradizionali o al punto di picco per i compound. Per le classi Cacciatori e Seniores non è prevista alcuna limitazione nel carico.

Quali sono gli archi ammessi in FIARC?

• Arco Storico (AS)
• Longbow (LB)
• Arco Ricurvo (RI)
• Arco Nudo (AN)
• Arco Compound (CO)
• Arco Compound stile libero (CO SL)
• Arco Compound stile libero illimitato
• Arco Compound Free Style

A completare il binomio arco/arciere, le frecce: queste possono essere di legno (cedro, tiglio, cipresso di lawson etc.), alluminio, carbonio e alluminio/carbonio. Vi sono delle limitazioni nell’uso delle frecce solo per gli AS ed i LB. In particolare nell’AS possono essere utilizzate solo frecce in legno con la cocca intagliata direttamente nell’asta oppure riportata purché di corno o di legno, nei LB la freccia, sempre in legno, può avere la cocca in plastica.

Che tipo di tiro in FIARC?

Il percorso di tiro consiste solitamente in una serie piazzole disposte ad anello o ad otto in un bosco. L’allestimento delle piazzole è soggetto anche alle conformazioni del terreno e del paesaggio, nel rispetto della natura che ci circonda. Si tira su sagome tridimensionali di animali poste sul piano, oppure in salita o discesa, alcuni tiri possono essere a tempo limitato o in ginocchio.

Ogni anno la FIARC calendarizza:

• il Campionato Italiano, articolato in quattro giornate di gare
• il Campionato Italiano indoor
• il Campionato Italiano bowhunter
• il Campionato Italiano pesca con l’arco
• il Campionato Italiano tiro a volo
• per aree regionali, il Campionato Regionale (organizzato dal singolo Comitato Regionale)

TIRO ALLA SAGOMA FISSA E MOBILE - TIPOLOGIE DI GARA

BATTUTA: E’ la gara più articolata e più lunga. Si sviluppa su 28 piazzole e 48 bersagli. Su ogni sagoma si tira una sola freccia. Di queste 48 sagome: 14 sono singole, 4 sono sagome mobili, 18 sagome in 6 gruppi di 3 sagome, 12 sagome in 4 gruppi di 3 da tirare a tempo limitato. In totale si tirano 48 frecce di queste 10 in ginocchio. La distanza massima è di 40 metri.

PERCORSO: Si articola su 24 piazzole, 3 frecce a piazzola da tre distanze diverse, sia da un solo picchetto su tre bersagli diversi che da tre picchetti diversi sullo stesso bersaglio. 10 piazzole sono a tempo. In totale si tirano 72 frecce di cui 10 in ginocchio. La distanza massima è 40 metri.

TRACCIATO: 24 piazzole. Da ogni piazzola si tirano al massimo tre frecce da tre differenti distanze sia da un unico picchetto su 3 bersagli differenti che da tre picchetti diversi sullo stesso bersaglio. 4 sono le sagome mobili da impegnare. In totale si tirano 72 frecce di cui 10 in ginocchio. La particolarità di questa gara è che solo la prima freccia a bersaglio è conteggiata. La distanza massima è 55 metri.

ROUND 3D: 24 piazzole. 2 frecce da due differenti distanze sia da un unico picchetto su due bersagli diversi che da 2 picchetti diversi sullo stesso bersaglio. 12 piazzole sono a tempo con un picchetto supplementare di partenza. In totale si tirano 48 frecce. La distanza massima è 45 metri.

CAPOCACCIA E CAPOSQUADRA. CHI SONO?

Sono due figure presenti negli eventi sportivi della FIARC: i Capocaccia sovrintendono al rispetto da parte della Compagnia organizzatrice che il percorso di tiro sia rispondente a criteri di sicurezza e conforme al regolamento. I Caposquadra sono arcieri responsabili della piazzola, del comportamento e del rispetto del regolamento sportivo da parte degli altri arcieri con lui presenti in piazzola. Queste due figure sono formate in ambito regionale con appositi corsi e sono soggetti a seguire seminari di aggiornamenti.

Per eventuali approfondimenti si rimanda al regolamento sportivo su www.fiarc.it.